Capita spesso ci si senta smarriti quando si sta pensando di fare un’esperienza di studio all’estero di lunga durata, soprattutto quando, dopo l’iscrizione ad una scuola di lingua in Giappone, ci si trova davanti alle lunghe e complesse procedure dell’ambasciata e dell’ufficio immigrazione. Purtroppo, il Giappone non è il paese più semplice del mondo a cui richiedere un visto e te lo dico per esperienza personale, dal momento che mi è successo per ben due volte di vedermi respinta la domanda per mancanza di necessari requisiti, che ad oggi ancora non capisco esattamente quali siano. È, dunque, bene essere consapevoli del fatto che nella maggior parte dei casi vi sia bisogno, per inoltrare la domanda, di affidarsi ad un aiuto esterno che possa garantire per te e raccomandarti a chi di dovere, risparmiandoti inutili scambi di e-mail e preoccupazioni.

A tal proposito, Go! Go! Nihon, che dal 2009 si occupa con successo di favorire viaggi studio in Giappone, ed è la soluzione più valida per ovviare a questo tipo di problema. Ti basterà scegliere il corso e compilare l’apposito modulo perché le procedure d’iscrizione ad una scuola di lingua in Giappone e quelle finalizzate all’ottenimento del visto studentesco siano subito avviate. Go! Go! Nihon ti indicherà quali altri documenti servono per completare il processo d’iscrizione.

L’iscrizione è stata fatta, e adesso?

Una volta che avrai inviato il modulo d’iscrizione e tutti i documenti correlati, la tua richiesta di visto studentesco sarà sottoposta all’Autorità per l’immigrazione giapponese. Quando sarà stata approvata, l’Autorità provvederà ad inviare alla scuola un certificato di eleggibilità (più semplicemente abbreviato in COE), che ti sarà poi spedito per posta tramite raccomandata celere. Quando lo avrai ricevuto, dovrai portare l’originale all’ambasciata o al consolato giapponese più vicino a casa tua.

È, inoltre, assolutamente indispensabile essere munito di passaporto con validità di almeno 6 mesi, foto tessera (una sarà più che sufficiente) e modulo di richiesta del visto, che potrai procurarti direttamente presso la sede da te prescelta. Se preferisci, puoi anche scaricarlo dal sito Ufficio Visti. In genere, questo passaggio è molto più celere dei precedenti, ma potrebbe comunque richiedere diversi giorni. È consigliabile, dunque, portare i moduli all’ambasciata o al consolato quanto prima possibile, onde evitare eventuali imprevisti.

Una volta consegnato il necessario, la segreteria consolare si premurerà di applicare sul tuo passaporto un documento satinato a colori recante la tua foto, i tuoi dati anagrafici, una data di emissione e scadenza entro cui dovrai arrivare in Giappone, e la durata della validità del tuo permesso di soggiorno nel paese. Questo documento altro non è che il tuo visto, avente (come riportato sul sito del MOFA) “la funzione di confermare la validità del passaporto del richiedente, assicurare che il richiedente non arrecherà alcun tipo di problematica in Giappone come specificato dalle condizioni riportate sul visto, ed assicurare che egli possieda tutti i requisiti necessari per ottenere un permesso d’ingresso (landing permission)”.

Impronte digitali

Approvazione del visto dopo l’iscrizione

Il visto non entrerà in funzione fino a che non sarà stato convalidato dai funzionari dello Sportello immigrazione aeroportuale. Il documento che otterrai in ambasciata, infatti, non è altro che una semplice raccomandazione avente la funzione di comunicare agli ispettori di frontiera che sei stato autorizzato dall’Autorità dell’immigrazione giapponese ad entrare nel paese.

Il visto entrerà propriamente in vigore solo quando avrai ricevuto il sopracitato permesso d’ingresso, ossia un minuscolo documento simile ad un francobollo (che sarà anch’esso applicato sul passaporto) recante la data del tuo arrivo nel paese e quella entro cui è previsto il rimpatrio, per un periodo attinente a quello riportato sul visto. Mettiamo il caso tu abbia fatto richiesta per una permanenza di un anno, la validità del visto studentesco inizierà nel momento in cui metterai piede in Giappone ed avrà termine esattamente un anno dopo la data del tuo ingresso, sulla base del periodo di durata del permesso riportato sul visto.

A questo punto, avrai in mano tutto ciò che ti occorre e non dovrai far altro che goderti la tua esperienza di studio nella terra del Sol Levante. Se hai ancora dubbi su cosa fare dopo l’iscrizione ad una scuola di lingua in Giappone e su come funziona la procedura, Go! Go! Nihon resta a tua disposizione. Non esitare a contattarci e… ci vediamo in Giappone!