L’assistenza sanitaria in Giappone è una delle migliori al mondo, e il sistema sanitario nazionale è organizzato in maniera simile a quello occidentale. I cittadini giapponesi e gli stranieri che risiedono in Giappone devono pagare un’assicurazione pubblica in base alla loro categoria di appartenenza.

Due tipi di assicurazione sanitaria in Giappone

Ci sono essenzialmente due tipologie di assicurazione sanitaria in Giappone. La prima è la Kenkō Hoken (健康保険), l’assicurazione sanitaria per i dipendenti, il cui premio assicurativo viene pagato per metà dall’azienda per cui si lavora, mentre l’altra metà viene detratta mensilmente dallo stipendio.

Per tutti quelli che sono disoccupati o che studiano in Giappone (anche se lavorano part time) l’assicurazione sanitaria offerta è la Kokumin Kenkō Hoken (国民健康保険), l’assicurazione sanitaria nazionale privata. In questo caso il prezzo del premio assicurativo viene calcolato in base al reddito: più uno guadagna, più alto sarà il premio assicurativo da pagare. Per gli studenti, quindi, il prezzo è relativamente basso (più o meno una ventina di euro al mese).

L’assicurazione sanitaria in Giappone viene rilasciata dal comune di residenza. Il nostro consiglio è di richiederla lo stesso giorno in cui ti rechi in comune per registrare la carta di residenza, così da evitare un’altra giornata negli uffici comunali. Una volta iscritto al servizio sanitario nazionale, verranno recapitati al tuo indirizzo giapponese dei bollettini per i premi assicurativi, che potrai pagare mensilmente in qualsiasi conbini.

Tessera assicurazione giapponese

Vantaggi di avere l’assicurazione sanitaria in Giappone

Il servizio offerto dalla sanità giapponese è ottimo, ma i prezzi sono molto elevati. Non sono rari i casi di studenti che, senza assicurazione sanitaria in Giappone, hanno dovuto pagare parcelle salatissime, costringendoli a lasciare il paese per insufficienza di fondi. Iscrivendosi, invece, il 70% delle spese verrà coperto dall’assicurazione e il restante 30% sarà a carico del paziente.

Ricordati di avere la tessera sanitaria sempre con te, così da poterla mostrare in ospedale o clinica per ricevere la riduzione di prezzo. Oltre ad essere conveniente, l’iscrizione al servizio sanitario nazionale è obbligatoria per legge. Nel caso in cui non ti sia iscritto e vieni scoperto senza, dovrai pagare una cifra pari ai mesi trascorsi senza la copertura dell’assicurazione sanitaria in Giappone.

Alcune scuole si prendono carico di coprire il restante 30% delle spese, così da esentarti al 100% da qualsiasi tipo di pagamento. Per maggiori informazioni sulle scuole che offrono questa copertura aggiuntiva contatta lo staff di Go! Go! Nihon.

Cosa non copre l’assicurazione giapponese

Ci sono alcuni casi o tipologie di operazioni che però non possono essere coperte dalla assicurazione sanitaria nazionale. Per esempio, se si viene ricoverati in ospedale a causa di ferite riportate durante una rissa o in stato di ebrezza, l’assicurazione non coprirà le spese. Inoltre, tutte le operazioni che non sono strettamente legate al trattamento di malattie, come interventi di chirurgia estetica o alcune operazione ortodontiche, non rientrano nell’assicurazione sanitaria in Giappone.

Il consiglio di Go! Go! Nihon

L’assicurazione sanitaria in Giappone è obbligatoria per gli studenti a lungo termine, così come è fortemente consigliata a coloro che si trasferiscono nel Paese del sol levante per un breve periodo. Go! Go! Nihon consiglia Tokio Marine HCC (parte dell’ Envisage Global Insurance Group), agenzia che offre polizze di viaggio che offre diversi vantaggi ai nostri studenti. Puoi farne richiesta tramite il modulo online.

Per informazioni sul visto studentesco o sulla vita in Giappone trovi altri articoli sul blog di Go! Go! Nihon.