Che cos’è l’Obon? Guida al festival giapponese degli spiriti

Tempo di lettura: 3 minuti

Perché i vivi dovrebbero avere tutto il divertimento? Ogni settimo mese dell’anno, in Giappone si celebra l’Obon, una delle festività più importanti in tutto l’anno. Ma che cos’è l’Obon? Lo si potrebbe definire come un evento familiare mescolato a un pizzico di soprannaturale. È una festa per ricordare e celebrare la vita con le persone che ami.

La parte migliore? Anche i fantasmi dei nostri antenati, morti da tempo, si uniscono alla festa. Continua a leggere per saperne di più su cos’è l’Obon e come viene celebrato.

Che cos’è l’Obon? 

L’Obon è una festa tradizionale giapponese dedicata alla famiglia e alle persone care passate. È un mix tra Halloween e il Giorno del Ringraziamento nordamericano. Le famiglie che celebrano Obon di solito si riuniscono nella loro città natale, visitano le lapidi, eseguono rituali e partecipano alle feste. Ma non tutte le famiglie seguono le stesse usanze.

Si celebra dal 13 al 15 agosto nella maggior parte del Giappone. Ma alcune regioni celebrano invece a luglio, a seconda del calendario che seguono.

Tempio Sensoji

Obon: radici storiche 

Le vere origini dell’Obon non sono del tutto chiare. Si sa però che è una festa con più di 500 anni di storia, strettamente collegata alle tradizioni buddiste. La leggenda dice che molto tempo fa un discepolo di Buddha ebbe una visione di sua madre morta: era intrappolata nel regno dei Fantasmi Affamati (un posto non proprio divertente dove stare). Così, facendo offerte di cibo e bevande, il discepolo liberò lo spirito di sua madre dalla sofferenza. Questa storia si è lentamente evoluta nel tempo e il significato dell’Obon è cambiato con essa.

Oggi per Obon si intende una festa di famiglia per celebrare i nostri cari qui e ora, indossare kimono e yukata, godersi le feste tradizionali, e anche mangiare street food giapponese.

Come celebrare l’Obon e le feste Obon

Un insieme mistico di rituali guida i festival e gli eventi dell’Obon. Continua a leggere i dettagli dei rituali e poi scopri dove puoi partecipare in prima persona!

Rituali Obon

  • Preparativi. Prima dell’inizio dell’Obon alcune famiglie preparano due ornamenti per l’arrivo degli antenati chiamati Shouryou Uma (精霊馬). Sono una melanzana (che rappresenta una mucca) e un cetriolo (che rappresenta un cavallo) con delle bacchette infilate dentro. Le famiglie sperano che i loro antenati tornino rapidamente a casa sul cavallo e tornino lentamente nel mondo degli spiriti sulla mucca.
  • Accogliere gli antenati. Nel primo giorno di Obon i credenti accendono un piccolo fuoco chiamato ogara (麻幹). I fantasmi dei membri della famiglia perduti seguono il fumo creato da questo fuoco per tornare nella terra dei vivi.
  • Visitare le tombe. La maggior parte delle famiglie trova il tempo di visitare le tombe per rendere loro omaggio. Pulire le pietre, portare il cibo o il sake preferito di un membro della famiglia e offrire acqua o fiori sono tutte pratiche comuni.
  • Dire addio. L’ultimo giorno di Obon è il momento di lasciarsi andare e dire addio. Le famiglie guidano gli spiriti alla tomba con le tradizionali lanterne chochin (提灯). Si possono anche vedere lanterne galleggianti in un rituale chiamato toro nagashi (灯籠流し). Entrambi sono spesso una scena agrodolce, commovente e nostalgica.

Danzatori di awa odori

Festival dell’Obon

Bon Odori – Festival di danza Obon. Bon Odori (盆踊り) è una celebrazione imperdibile che accoglie gli spiriti degli antenati. Troverete folle di festaioli e ballerini in abiti tradizionali nelle strade che si muovono al ritmo dei tamburi taiko. Le danze variano a seconda della regione e rendono la serata vivace e divertente.

La danza più popolare è il Gujo Odori (郡上おどり) nella prefettura di Gifu. Il festival è incentrato su un piccolo gruppo di artisti. Essi siedono su una piattaforma rialzata nel mezzo della città.

Potrai assistere a 10 danze tradizionali Odori mentre la festa si sposta per tutta la città dalle 8 di sera fino all’alba. È uno spettacolo davvero emozionante.

Tieni presente che sarai tra le quasi 30.000 persone presenti. Il lato positivo è che avrai molte occasioni per parlare più giapponese.

Okurubi (送り火) Festival. Gli okurubi sono piccoli fuochi che vengono accesi per guidare gli spiriti nell’aldilà. Ma in alcune regioni si accendono enormi falò lungo il mare o in montagna.

Dai un’occhiata al Gozan no Okuribi di Kyoto (五山の送り火) per assistere a un incendio in cima alla montagna o al Funakko Nagashi (舟っこ流し) in Iwate. Qui vengono scritti i nomi dei defunti su un pezzo di carta attaccato a una barca; questa barca, poi, verrà incendiata nell’acqua.

Scopri il Giappone con Go! Go! Nihon

Vuoi saperne di più su che cos’è l’Obon e sulle sue tradizioni? Leggi di più sulla cultura e la società giapponese sul nostro blog e seguici su Instagram, TikTok e Facebook.

Condividi questo articolo

Go! Go! Nihon

Articoli Correlati

🎌 Partecipa al Webinar!

Prossima sessione → Come vivere e studiare in Giappone
Giorni
Ore
Minuti
Secondi