Le parti del viso vengono spesso utilizzate dai giapponesi non solo per la descrizione della vita di tutti i giorni, ma anche in decine e decine di particolari espressioni che con l’anatomia non c’entrano assolutamente nulla. Ne ho raccolte qui alcune che potrebbero esserti molto utili, perché usate comunemente in ogni tipo di situazione, dalle conversazione tra amici a quella tra colleghi. Ma prima, ti servirà imparare le parole singole, quindi ecco a te una lista completa delle parti del viso in giapponese!

Le parti del viso in giapponese

I primi termini che da memorizzare sono atama (頭), che vuol dire “testa”, kao (顔), che invece vuol dire “faccia”, e kubi (首), che vuol dire infine “collo”. Ti sarà anche utile sapere che non ci sono particolari eccezioni nelle regole di pronuncia del giapponese, dunque queste tre parole si leggono esattamente nella maniera trascritta in caratteri latini.

Bene, adesso che sappiamo dove posizionare le parti del viso in giapponese, possiamo passare alla lista vera e propria. Partendo dall’alto verso il basso, troviamo:

髪の毛 (かみのけ kami no ke) = capelli (si può anche abbreviare in kami, 髪)
ひたい/おでこ(hitai/odeko) = fronte
眉毛 (まゆげ mayuge) = sopracciglia (si può anche abbreviare in mayu)
目 (め me) = occhi
まつげ (matsuge) = ciglia
まぶた (mabuta) = palpebre
耳 (みみ mimi) = orecchie
鼻 (はな hana) = naso
ほほ/ほっぺ (hoho/hoppe) = guance
口 (くち kuchi) = bocca
くちびる (kuchibiru) = labbra
歯 (は ha) = denti
舌 (した shita) = lingua
あご (ago) = mento

Per facilitare la memorizzazione, puoi riferirti all’immagine sottostante, in cui trovi tutte le parole menzionate!

Viso in giapponese

Molto più che anatomia

Passiamo ora alla parte più interessante, ossia quella che riguarda le espressioni idiomatiche! Te ne propongo alcune tra le mie preferite, che sono anche tra quelle più comuni e facili da utilizzare.

1) Kao o dasu (顔を出す)
Vuol dire “farsi vedere”, “andare a trovare”.

2) Kao ga hiroi (顔が広い)
Vuol dire “avere tante conoscenze”, “conoscere molte persone”.

3) Kao kara hi ga deru (顔から火が出る)
Vuol dire “arrossire per l’imbarazzo”.

4) Hana ga kiku (鼻が利く)
Vuol dire “avere intuito”.

5) Hana ga takai (鼻が高い)
Vuol dire “essere arrogante”.

6) Atama ga ii (頭がいい)
Vuol dire “tornare in mente”.

7) Kubi ni naru (首になる)
Vuol dire “essere licenziato”.

8) Atama ni kuru (頭にくる)
Vuol dire “innervosirsi”, “essere infastidito”.

9) Mimi ni suru (耳にする)
Vuol dire “ascoltare per caso”.

10) Me ni ukabu (目に浮かぶ)
Vuol dire “tornare in mente”.

Prova ad usarle la prossima volta che ti capiterà di parlare coi tuoi amici giapponesi!

Se vuoi saperne sulla vita e lo studio in Giappone, contattaci per maggiori informazioni sull’iscrizione ad una scuola di lingua, la richiesta del visto studentesco, e per partecipare a una delle nostre vacanze studio.