Andare in Giappone durante la pandemia: l’esperienza di Sarah

Tempo di lettura: 4 minuti

Con il COVID-19 e la ripetuta chiusura delle frontiere, partire per il Giappone durante la pandemia è diventata una vera e propria sfida. Tuttavia, con l’aiuto di Go! Go! Nihon, molti studenti e studentesse sono riusciti ad arrivare in Giappone in tempo per iniziare le loro attività scolastiche nel periodo tra ottobre 2020 e gennaio 2021.

Una di loro è Sarah Parker, che al momento studia in una scuola di giapponese a Tokyo. Nata negli Stati Uniti, Sarah è appassionata della cultura giapponese e per questo voleva venire in Giappone a studiare la lingua. Però, a causa del COVID-19 e le restrizioni del governo giapponese, non sapeva se questo fosse possibile.

A settembre 2020 Go! Go! Nihon ha lanciato una petizione, chiedendo al governo giapponese di permettere l’entrata nel Paese a tutti gli studenti stranieri. Da marzo a settembre del 2020 il governo infatti non stava più consentendo l’ingresso a chi aveva un visto studentesco, lasciando quindi numerosi studenti nel limbo – quando sarebbero riusciti a partire?

Ora che è qui, abbiamo chiesto a Sarah com’è vivere in Giappone durante la pandemia e quale consiglio si sente di dare a coloro che vogliono studiare in questo paese nonostante il COVID-19.

*Nota che alcune risposte sono state editate per lunghezza e per dare maggiore chiarezza

Go! Go! Nihon studentessa Sarah Parker

Prima di arrivare in Giappone

Quando saresti dovuta venire in Giappone e quando sei effettivamente arrivata?

Sarei dovuta arrivare a ottobre 2020, ma ho posticipato e sono arrivata a dicembre 2020.

Come ti sei sentita mentre non sapevi se potevi entrare o no in Giappone?

Ero molto stressata, dato che ho dovuto licenziarmi e vendere la macchina prima di partire. Avevo un’idea di quando poter partire [tanto da lasciare il lavoro e vendere la macchina]. Tuttavia, sia Go! Go! Nihon che la scuola mi aggiornavano continuamente. Go! Go! Nihon mi ha aiutata moltissimo con la documentazione e la modifica di alcune parti non chiare, prima di mandarla alla scuola.

Hai dovuto fare qualche cosa in più prima di arrivare in Giappone?

Ho dovuto fare un test PCR e far compilare al mio medico un modulo specifico.

ANA aereo all'aeroporto di Haneda

Il viaggio e l’arrivo in Giappone

Cosa hai dovuto fare per poter lasciare gli Stati Uniti?

Sia io che i miei familiari indossavamo la mascherina per tutto il tempo, anche a casa, così da non ammalarmi prima della partenza.

Ho lasciato il lavoro con due settimane di anticipo, così da ridurre il rischio di infezione. Uscivo solo per prendere le medicine e il cibo. La stessa cosa per la macchina, venduta due settimane prima della partenza.

Quando la mia famiglia è venuta a trovarmi per Natale, hanno tenuto la mascherina per tutto il tempo e hanno mangiato in un’altra stanza. Due giorni prima della partenza ho affittato una macchina e guidato per tre ore per poter fare il test rapido al centro COVID più vicino. Ho poi dovuto compilare un modulo online prima di partire, specificando dove avrei fatto la quarantena e dichiarando di non avere i sintomi del COVID.

Qual è stata la procedura d’ingresso una volta arrivata in Giappone?

Abbiamo dovuto compilare un modulo in aeroporto, mostrare il codice QR del modulo e fare un altro tampone.

Secondo me, si sono organizzati davvero bene. Sono stati molto chiari nelle direzioni e anche gli assistenti in aeroporto erano estremamente preparati sui moduli di cui avevo bisogno.

Come ti sei spostata dall’aeroporto e com’è stata la quarantena?

Ho usato un servizio di noleggio che mi ha consigliato Go! Go! Nihon. Si occupano proprio di venirti a prendere in aeroporto per portarti nel luogo dove dovrai fare quarantena.

Ho trascorso la quarantena in albergo, che ho prenotato diverse settimane prime di lasciare casa. Era vicino alla famiglia dove avrei fatto homestay, abbastanza piccolo, ma aveva tutte le necessità di cui avevo bisogno, ed era pulito e moderno.

L’inizio della scuola

Quando hai iniziato la scuola?

Il 15 gennaio, dopo aver completato i miei quattordici giorni di quarantena il 14 gennaio.

Quanti giorni e quante ore al giorno segui le lezioni in presenza?

5 giorni a settimana, 3 ore al giorno.

Hai dovuto fare altro o prendere ulteriori precauzioni prima dell’inizio della scuola?

Durante la quarantena, ogni giorno ho dovuto dichiarare alla scuola che non avevo i sintomi del COVID-19.

Che misure ha preso la tua scuola contro il COVID-19 durante questo periodo?

La scuola richiede di indossare la mascherina per tutto il tempo delle lezioni, a meno che non devo bere. Non possiamo mangiare nell’edificio e ci viene chiesto di non sostare troppo tempo nella scuola prima o dopo le lezioni. Le aule sono piccole, di solito non siamo mai più di 10; porte e finestre sono sempre aperte, non importa che tempo faccia fuori.

Cosa ne pensi di quest’esperienza fino a ora?

Mi sto divertendo, di sicuro è difficile, ma ho già notato dei miglioramenti nello studio dopo solo un paio di settimane.

Consigli per tutti gli altri che verranno in Giappone durante il COVID-19

Cosa diresti a qualcuno che sta pensando di studiare in Giappone nel 2021?

Se arrivi nel 2021, sappi che dovrai essere il più flessibile possibile riguardo la data di partenza, perché potrebbe cambiare. Se stai lavorando, ti consiglio di non lasciare il lavoro fin quando non sarà necessario. Sii flessibile, paziente e non scoraggiarti, prima o poi ce la farai!

Vuoi studiare in Giappone? Contattaci per iniziare la tua avventura!

Condividi questo articolo

Go! Go! Nihon

Articoli Correlati

🎌 Partecipa al prossimo Webinar!

Prossima sessione → Come vivere e studiare in Giappone: informazioni e domande e risposte

Giorni
Ore
Minuti
Secondi