Da ottobre il Giappone consentirà finalmente l’ingresso ai cittadini stranieri con un visto che permetta di rimanere per più di 3 mesi (quindi esclusi i visti turistici).

Il visto studentesco degli studenti delle scuole di lingua è incluso in questa categoria: un’ottima notizia quindi per gli studenti internazionali in attesa di poter entrare in Giappone per frequentare un corso di giapponese.

Il numero di persone a cui verrà permesso l’ingresso sarà però limitato a 1000 al giorno, a causa della ridotta capacità di test degli aeroporti. Questo limite fa riferimento non solo a chi entra in Giappone con un visto studentesco, ma a tutti i cittadini stranieri in arrivo; in aggiunta, è però previsto anche un extra di 1600 persone al giorno provenienti da Australia, Tailandia, Vietnam, Myanmar, Laos, Singapore, Cina, Taiwan, Cambogia, Brunei, Macao, Hong Kong, Mongolia, Nuova Zelanda e Corea del Sud.

Non è stato confermato come verranno controllate le entrate dai singoli paesi, così come tutti i dettagli sulle procedure per l’entrata, attualmente in discussione e non ancora pubblicate dal MOFA, il Ministero per gli Affari Esteri giapponese.

Per ora, è noto soltanto (in base alle procedure attivate da inizio settembre per chi è già residente e rientra in Giappone dall’estero), che ai cittadini stranieri viene richiesto di mostrare un test PCR (negativo) effettuato entro 72 ore dalla partenza, che non si possono utilizzare mezzi di trasporto pubblici per raggiungere il proprio alloggio dall’aeroporto e che bisogna fare 14 giorni di quarantena.

Go! Go! Nihon sta lavorando in collaborazione con le scuole di lingua per permettere agli studenti di entrare in Giappone il prima possibile, così da realizzare i progetti di studio che tanti hanno in programma da mesi. Al momento di pubblicazione di quest’articolo, stiamo attendendo conferme da parte dell’Immigrazione e condivideremo maggiori dettagli con i nostri studenti il prima possibile.

Se non sei già in contatto con noi ma desideri maggiori informazioni sull’iscrizione a una scuola in Giappone e sul visto studentesco, scrivici QUI.